Paolo Monella Workshop CTE Dottorato Sapienza 2022

Workshop CTE | Dottorato Sapienza 2022

Dettagli

Titolo Workshop CTE
Serie Dottorato in Filologia e storia del mondo antico
Quando Giovedì 31 marzo 2022, 10:00 AM CET
Dove Online (Blue Meet GARR)
Organizzazione Sapienza Università di Roma
Lingua Italiano

Abstract

Un workshop pratico per dottorandi di ambito classicistico sull’uso del programma CTE (Classical Text Editor), un word processor per la produzione di edizioni critiche a stampa.

Streaming

Installazione CTE

Durante l’incontro di giovedì, presupporrò che tutti abbiano un CTE installato e funzionante sul loro computer, quindi vi chiedo di farlo prima, o non potrete seguire se non passivamente (quindi senza utilità, perché l’impostazione dell’incontro sarà pratica):

Per installare CTE su Linux e Mac

CTE è – alas! – un programma solo per Windows. Per installarlo su Linux o Mac bisogna installare prima un ‘emulatore’:

Tutorial e impostazione incontro

Ecco come suggerirei di procedere:

  1. Installate CTE prima possibile
  2. Seguite da soli (cioè eseguire le sue istruzioni sulla vostra installazione di CTE) il Tutorial CTE di Alex Poulos prima del nostro incontro
  3. In qusto modo durante l’incontro potremo ottimizzare il nostro tempo: invece di seguire insieme il tutorial, voi mi porrete questioni e problemi specifici che avete incontrato mentre seguivate il tutorial, e li risolveremo insieme.

Esportare in PDF

Menu file / export PDF (non sempre funziona quando si emula CTE su Mac o Linux)

Ma prima potete dare view / print preview per avere un’anteprima di stampa.

Forum CTE

Oltre alla guida, potete consultare il forum degli utenti CTE: se andate sul sito di CTE, trovate il link nel menu a destra, User Forum.

Questioni dall’email di G. Pasini

Incollo qui di seguito le domande che mi poneva il dott. Pasini a questioni specifiche, con le mie risposte.

Associare la traduzione a fronte

1)Come fare corrispondere 29.1, 29.2, 29.3 del testo critico al 29.1, 29.2, 29.3… della traduzione? A differenza che in quella di Fuhrmann, la mia edizione avrà sempre testo greco nella pagina pari e la traduzione italiana a fronte nella pagina dispari. Come associare, eventualmente, il documento di commento di note (alla fine, non a pie’ di pagina)?

Deve creare un file CTE separato per la traduzione.

A questo punto, nel ile CTE dell’edizione va nel menu format / document / tab associated / add

e associa il file con la traduzione a quello con l’edizione.

(Per “tab” intendo la scheda, il “tab” da scegliere in alto rispetto a una finestra di impostazioni).

A questo punto, nello stesso tab ‘associated’, può scegliere:

page layout: decide il tipo di allineamento

synchronize: scelga chapters (o quel che vuole).

I due file CTE devono avere gli stessi ‘chapter identifiers’ negli stessi punti del testo (sono quelli che CTE evidenzia poi in giallo).

Se ha scelto ‘synchronize / chapters’, CTE metterà nelle pagine pari (a sinistra) l’edizione e in quelle dispari (a destra) la traduzione, basandosi sui ‘chapter identifier’.

Numerazione righe in margine

2)Come intervenire sulla numerazione delle righe dell’inner e outer margin?

Qui vorrei capire meglio cosa intende: ne parleremo.

In generale, il menu da seguire per intervenire sulla numerazione delle righe è:

menu format / document / tab margins

e da qui:

    line number: inner/margin

    every etc. (decide lei)

Segmentazione del testo di un’edizione precedente

3)Come inserire la numerazione delle pagine Bekker (o Stephanus, se di Platone si parla) ed eventualmente l’hyphenation per gli a capo?

Dipende da dove devono spuntare i numeri di pagina di Bekker. Noi per Prisciano li mettiamo solo nella testatina corrente.

Ipotesi A: nella testatina

Per aprire la finestra che definisce i contenuti della testatina corrente:

menu view / header and footer

qui lei ha un documento in cui:

  1. la prima riga definisce il contenuto delle testate nelle pagine pari (a sinistra)
  2. la seconda riga il contenuto nelle pag. dispari (a destra)
  3. dalla terza riga in poi, il contenuto del footer.

Nel suo caso, nel file dell’edizione compili solo la prima riga, e nel file della traduzione lasci la prima riga vuota, e compili solo la seconda riga.

Quando è nella finestra di definizione dei contenuti della testatina, vada sul menu

menu insert –> command

e qui inserisce con: reference / header reference quel che deve inserire in testatina (=header) ed eventualmente nel footer.

Ipotesi B: se vuole mettere i riferimenti Bekker in margine

Li inserisca usando gli outer/inner margin (che vengono evidenziati da CTE in azzurro per l’outer marign, in verde per l’inner margin).

Titoletti

4)Come introdurre  titoletti per suddividere gli argomenti, ma senza che il numero di rigo li computi?

I titoletti andrebbero inseriti usando uno ‘stile’ (come in Word). Non saprei dirle come fare a non farli computare. Dovrebbe esplorare, come scrivevo nella risposta 2 sopra:

menu format / document / tab margins

e da qui:

    line number: inner/margin

    every etc.

e qui sperimentare l’effetto che hanno le varie impostazioni.

Separatori in apparato

5)Come introdurre in apparato il doppio separatore ||, anziché quello semplice | nelle lezioni appartenenti a due righi diversi?

Vada su

menu format / apparatus / tab strings / between entries

Statistiche di errori congiuntivi

6)Come produrre statistiche di errori congiuntivi?

Questo CTE non può farlo.

Può cercare tutte le lezioni (ad es.) del MS A, ma il resto deve calcolarlo lei. Funziona solo se ha inserito il siglum “A” con la funzione “sigla” di CTE.

CTE può anche darle tutte le lezioni che sono sia di A sia di B (gli accordi), ma:

Insomma, la funzione di ricerca per accordi ha limiti importanti.

Contatti

Non esitate a pormi via email – magari mettendo in copia tutti i partecipanti – qualunque dubbio e problema tecnico.

Il ‘rispondi a tutti’ è utile perché è probabile che anche altri incontreranno il vostro stesso problema a un certo punto.